Ecologia sostenibile, borse di studio a studenti pratesi

PRATO.  L’ecologia integrale intesa quale connubio evolutivo fra ambiente e società è il primo tema che sarà affrontato in un  incontro pubblico che verrà proposto dall’associazione Prato Italia Mondo costituitasi lo scorso 8 settembre. A discutere e partecipare al dibattito su questo tema verranno coinvolti il mondo della scuola, i preposti locali alla gestione dell’ambiente nonché autorevoli esperti con l’obiettivo  di portare un contributo sociale aggiuntivo a quanto già oggi viene fatto.

 “Proveremo a coinvolgere gli studenti delle scuole medie e superiori del territorio e durante il convegno, premieremo chi si sarà distinto per un elaborato originale sull’ambiente e convivenza sociale tra le varie etnie presenti sul nostro territorio”, ha dichiarato il presidente dell’associazione, il dottore commercialista Giuseppe Nicodemo.

“Da mesi uno dei temi dominanti nel mondo è’ il cambiamento climatico, per i cattivi comportamenti dell’uomo – dichiara ancora il presidente Nicodemo – Portatrice di questa rivoluzione è’ l’ormai notissima Greta Tunberg , che porta avanti tematiche condivisibili sul piano ideale”.

“Nella città di Prato , per chi non la conosce, esiste un’area denominata Macrolotto 0 – continua Nicodemo – dove in 30 anni il degrado socioambientale vale, per chi vi abita, cento cambiamenti climatici. Che senso ha manifestare per i cambiamenti climatici , quando il disastro socioambientale in casa propria è evidentissimo e poco si fa per migliorarlo?”

“L’ecologia integrale, di cui parla Papa Francesco nell’enciclica Laudato sì, osserva lo sviluppo positivo o negativo dell’ambiente con le persone che ci vivono. E’ un connubio indissolubile – continua Nicodemo – Nella nostra città , in trent’anni, nel Macrolotto 0 abbiamo assistito ad una involuzione socioambientale, sotto gli occhi di tutti. Di chi è la colpa? Sicuramente di chi aveva il timone per regolare processi di crescita interculturale , non gestita nell’interesse della collettività che ci vive. Il tema è così importante che i governanti cercano di correre ai ripari, con iniziative importanti, anche se tardive. Le opposizioni e chi abita in quelle zone da decenni gridano rispetto per la città’ ed i cittadini”.

“Sicuramente è  giunta l’ora di creare un comitato di difesa della civiltà, dell’ambiente, delle persone che vi vivono”, conclude il presidente dell’associazione Prato Italia Mondo.

A breve Nicodemo incontrerà l’assessore alla Pubblica Istruzione del comune di Prato, Ilaria Santi, incontro fissato dal consigliere dell’associazione Prato Italia Mondo, Sergio Puggelli,  per progettare le borse di studio che la stessa associazione assegnerà a studenti meritevoli per aver elaborato progetti in materia ambientale e di ecologia sostenibile in ambienti urbani.

× Scrivici via Whatsapp!